Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Ordine dei Consulenti del Lavoro Consiglio Provinciale di Palermo | 22 Aprile 2019

Scroll to top

Top

In forse la deduzione ai fini Irap per le imprese con dipendenti in distacco

Le istruzioni del modello Irap, pur contando la circolare 22/E/2015, sembrano però andare in contrasto con essa. In particolare non è chiaro chi debba fruire – tra distaccante e distaccataria – delle deduzioni riferite al personale, ed in particolare quella residuale sul personale a tempo indeterminato. Con la circolare, l’Agenzia ha affermato che i costi dei dipendenti assunti a tempo indeterminato e in distacco andrebbero dedotti dall’impresa distaccante “con conseguente rilevanza degli importi spettanti, a titolo di rimborso”.

La presa di posizione costituisce un cambio di rotta rispetto al passato, in quanto in precedenza l’amministrazione (risoluzione 2/DPF/2008 e circolare 263/1998) aveva sempre sostenuto una sostanziale neutralità della posizione dell’impresa distaccante (che non deduceva i costi ma non rendeva imponibili i rimborsi) affinché il peso dell’imposta ed eventuali benefici (come il cuneo fiscale) si concentrassero sulla distaccataria (risoluzioni 35/E/2009 e 235/2008). Si attendono chiarimenti.

(Fonte: AdE)

(Autori: AM)

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
X