Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Ordine dei Consulenti del Lavoro Consiglio Provinciale di Palermo | 20 Ottobre 2019

Scroll to top

Top

Equitalia: come pagare avvisi e cartelle 

Non è infrequente ricevere una cartella esattoriale da Equitalia e oggi la società di riscossione ha ampliato le possibilità di pagamento offerte al contribuente. Dopo le cartelle, i contribuenti potranno saldare nei punti vendita Lottomatica e Sisal anche altri atti esattoriali, come per esempio bollettini del piano di rateizzazione, avvisi di intimazione e solleciti di pagamento.Per fruire di questa possibilità basta semplicemente consegnare in ricevitoria il bollettino RAV che Equitalia allega ai documenti. Proprio il bollettino RAV, già prestampato con l’importo da pagare e un codice (serie numerica) ad esso collegato, viene allegato all’avviso di pagamento o alla cartella esattoriale.

Pagare il bollettino RAV presso Lottomatica e SisalPay

Già dal 2013, grazie al Protocollo d’Intesa sottoscritto tra Equitalia e le due reti di ricevitorie nell’ambito del progetto “Reti Amiche”, Lottomatica e Sisal, i contribuenti possono saldare i bollettini di pagamento RAV allegati alle cartelle, sia entro i 60 giorni dalla data di notifica, sia oltre la scadenza in quanto l’importo viene aggiornato automaticamente con le somme aggiuntive previste dalla legge.
Modalità di pagamento

Le reti di Sisal e Lottomatica si aggiungono quindi alle altre possibilità di pagamento attivate da Equitalia. Oggi, infatti, gli avvisi e le cartelle esattoriali possono essere pagati presso:

– sportelli Equitalia;

– filiali bancarie;

– uffici postali;

– tabaccai convenzionati con banca ITB.

Più agevole e veloce anche il pagamento direttamente on line:

– dal sito Equitalia – voce “Paga online” (www.gruppoequitalia.it);

– con l’home banking del proprio istituto di credito se consorziato a CBI e aderente al servizio CBILL.

Bollettino RAV: pagamento on line

In particolare dal sito Equitalia si può pagare il bollettino RAV, entrando nell’area dedicata e inserendo:
– codice Fiscale o partita IVA dell’intestatario del bollettino RAV;
– codice RAV di 17 cifre indicato sul bollettino o generato con l’Estratto conto;

– importo da pagare (se il debito è scaduto il sistema provvederà a ricalcolare l’importo aggiornato con interessi di mora e sanzioni).

(Autore: Alessandra Caparello) 
(Fonte: Fisco7) 

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
X